COSE DA SAPERE ASSOLUTAMENTE PER IL VOSTRO SITO ECOMMERCE

Come sapete per chi segue il nostro canale su YouTube, sono ripresi i nostri tutorials sul mondo di Prestashop.

In questi anni abbiamo ricevuto da parte vostra tantissime domande, ma ci siamo accorti che spesso e volentieri c’è un po’ di confusione tra gli utenti ma anche tra i nostri clienti, o meglio molti credono che possedere un sito eCommerce installato basti ad avviare la propria attività online ma non è assolutamente così, bisogna “AVERE UN PROGETTO”, cosa significa?

E’ necessario sapere quali siano gli obiettivi che vogliamo raggiungere ma senza un progetto non andiamo da nessuna parte…di seguito vi riporto dei consigli utili (se non avete voglia di leggere potete guardare il video:-) )…

Prima domanda da porsi:

1- COSA SI VUOLE VENDERE?

Certo voi direte i miei prodotti, ma poniamo che voi vendiate scarpe da ginnastica di un marchio famoso come ad esempio Adidas, perchè i vostro utenti dovrebbero comprare le scarpe sul vostro sito online e non acquistarle magari nel negozio sotto casa risparmiando anche i costi di spedizione?

Avete due soluzioni la prima è quella di vendere il prodotto online ad un prezzo vantaggioso ovvero la somma tra costo del prodotto e spese di spedizione dovrebbe comunque essere inferiore al prodotto in vendita nel negozio, magari potete creare delle offerte vantaggiose su prodotti di fine stagione, la seconda soluzione è che il vostro prodotto sia “unico”, magari realizzato da voi o comunque non facilmente se non impossibile da reperire altrove.

2- COME LO CHIAMO IL MIO SITO WEB?

Attenzione al nome del marchio, pensate a qualcosa sicuramente di orecchiabile ma che sia anche di facile indicizzazione, se date il nome al vostro marchio “Pippo” sarà più difficile di un eCommerce con nome e dominio ad esempio “Vendita scarpe online Pippo”, in entrambi casi comunque il lavoro di SEO è da fare…

3- COME VOGLIAMO FAR APPARIRE I NOSTRI PRODOTTI?

Pensate se necessitate di un servizio fotografico o ingegnatevi anche voi nel farlo, ma siate coerenti, le immagini tutte delle stesse dimensioni e dello stesso stile ma soprattutto che rappresentino la verità, ricordate state allestendo la vostra vetrina, dovete attirare i vostri potenziali acquirenti ma senza inganno…la cattiva pubblicità si fa in fretta!

4- COME VOLETE CONSEGNARE I VOSTRI PRODOTTI?

E’ bene fin da subito prendere accordi con i vari corrieri, avere già in mente una mappa di consegna con i vari costi, o altrimenti vi ritroverete a modificare tutti i prodotti inseriti nello store in un secondo momento…

5- COME VOLETE RICEVERE IL DENARO?

Sono tante le opzioni da PayPal, Getspay, Carte di credito varie, Bonifici, Contrassegno…dire tutte è troppo generico considerate e sappiate che ci sono delle % di commissioni trattenute, quindi prima che inserite il prezzo nei vostri prodotti è bene tenere conto nel proprio margine di guadagno anche queste informazioni…

6- QUANTO TEMPO SIETE DISPOSTI A DEDICARE AL VOSTRO ECOMMERCE?

Provate a pensare se il vostro negozio, attività, magazzino, per almeno un mese non se ne occupa nessuno credete che i vostri clienti continueranno a raggiungervi? Il negozio online è la stessa identica cosa, è un negozio a tutti gli effetti che necessita di cure giornaliere e costanti, sia a livello pubblicitario, sia per la cura dei clienti, aggiornamenti, offerte, ogni giorno…solo così vedrete i risultati

7- QUANTO SIETE DISPOSTI AD INVESTIRE PER FARVI CONOSCERE?

Pubblicità, Google Adwords, Social Network, Newsletter, Blog…sono tutti elementi da non trascurare se volete far conoscere la vostra nuova attività, se non avete tempo di farlo potete sempre affidarvi a chi lo fa di mestiere, ma ricordate senza un investimento pubblicitario sarà ben difficile che vi trovino dall’oggi al domani…

In conclusione siate UNICI, COMPETITIVI, AFFIDATI E POPOLARI…

 

 

 

 

 

 

 

 

Dropshipping

Come vendere senza possedere fisicamente un prodotto da rivendere.

Quanti di voi sono a casa in questo periodo di crisi e vorrebbero inventarsi qualcosa di nuovo e redditizio? oppure aprire una propria attività? ovviamente farlo, significherebbe investire denaro, specie per le materie prime con il rischio di ritrovarsi con prodotti invenduti e quindi spreco di soldi e tempo.
Ma allo stesso tempo quanti fornitori, abituati a vendere i loro prodotti a rivenditori locali e/o a negozianti, vorrebbero invece poter espandersi nel commercio online? Ovviamente non tutti però hanno la capacità, il tempo, la voglia e la determinazione di investire in un negozio online ovvero un eCommerce, ma ecco che qui appare la soluzione del Dropshipping (letteralmente “spedizione a goccia”).
In pratica abbiamo due protagonisti di business, il primo è il rivenditore detto anche reseller (cito i termini inglesi che ormai fa molto figo) che possiede un sito web ecommerce e vende e promuove i prodotti del fornitore (può anche avere un account di rivenditore su eBay, Amazon…non necessariamente un proprio ecommerce), ed il fornitore stesso detto Dropshipper che si occupa di imballare e spedire la propria merce all’ acquirente che ha comprato dall’ecommerce del reseller.
Quali sono i vantaggi?
Prima di tutto il rivenditore non deve occuparsi della spedizione ma i benefici sono soprattutto la diminuzione del ricarico sul prezzo finale del prodotto.
Cerco di spiegarmi meglio con un esempio: “Io, reseller decido di avviare un eCommerce ma non voglio rischiare di acquistare prodotti che potrei non vendere e quindi gettar via denaro, allora mi rivolgo ad un fornitore ipotizziamo che il fornitore venda telefonia/fax o materiale d’ufficio, acquisto da lui un fax del valore di 100€, ovviamente dovrà spedirlo quindi aggiungiamo 10 € di spedizione, totale 110 €, ovviamente ora dovrò rivenderlo con un prezzo maggiorato solitamente la maggiorazione per i prodotti informatici è del 15% max 25%, quindi dovrò rivenderlo a circa 125 € aggiungendo i costi di spedizione e considerando poi le varie tasse a seconda del paese il prodotto potrà arrivare circa a 150€, ovviamente per l’utente che effettua l’acquisto sicuramente non è un prezzo vantaggioso e magari in negozio lo acquista a meno risparmiando anche sulla spedizione, inoltre ho il rischio che questo prodotto non venga venduto e quindi io abbia buttato via i 110 euro iniziali”.
Ma se io reseller metto a disposizione la mia piattaforma (ovviamente investendo a garanzia del fornitore in campagne pubblicitarie, pagine social, e-mail marketing per incentivare l’indicizzazione del mio eCommerce) ed utilizzo il metodo di Dropshipping ecco che le cose cambiano notevolmente abbassando i costi, rivediamo l’esempio di prima ma con la figura del Dropshipper.
Io, reseller non acquisto il prodotto dal fornitore e non ricevo nessuna merce dallo stesso ma metto in vendita uno dei suoi prodotti come in questo caso il fax con un ricarico del 15% max 20% ma su 100 € (non abbiamo più i costi di spedizione), ipotizziamo che il prodotto lo rivendo a max 120 € ed aggiungendo i costi di spedizione quindi totale 130€, il prodotto viene venduto a questo punto l’ordine viene inoltrato al nostro fornitore dove sarà presente la figura del Dropshipper ovvero colui che si occuperà di inviare direttamente il prodotto all’acquirente.
In poche parole abbattiamo i costi della spedizione perché si elimina uno scambio di merce tra fornitore e rivenditore, escludiamo la perdita di soldi in acquisti di prodotti che rischiano di rimanere invenduti e possiamo proporre prezzi più appetibili al cliente, inoltre il fornitore avrà la possibilità di estendere le sue vendite su un sito ecommerce senza dover investire in costi di sviluppo per la piattaforma web o assumere qualche dipendente che si occupi delle vendite online.
Costi e ricavi
I contratti di Dropshipping prevedono che il venditore trattenga una percentuale del 15% per i prodotti di informatica ed elettronica. Per l’artigianato si sale al 60-70%. I costi sono legati alle spese di pubblicità. La redditività media è tra il 20 e 30% del fatturato.
Come iniziare …
Per iniziare:
1) Apri una partita Iva per la vendita di prodotti sul Web e iscriviti al Registro imprese.
2) Scegli cosa vendere: tra i settori “in” ricambi auto e moto, food km 0, articoli per la casa e ufficio, artigianato artistico …
3) Scegli le aziende con cui stipulare la fornitura. I requisiti sono affidabilità e buona organizzazione logistica.
4) Crea il tuo portale associandolo a PayPal per i pagamenti con carta di credito, inserisci i prodotti con belle foto e descrizioni.
Un consiglio che vi posso dare:
Cercate piccole imprese locali che non hanno un sito e selezionatele in base alla qualità dei prodotti. Stipulate contratti con commissioni del 30-40%»”